Vigilasalute.it

Inestetismi della pelle: di cosa stiamo parlando?

Sempre più spesso si sente parlare di inestetismi della pelle. Ma, concretamente, sappiamo di cosa stiamo parlando quando ci riferiamo a un problema che affligge maschi e femmine senza alcuna distinzione d’età? Pelle grassa, secca, desquamata, macchie cutanee, borse, occhiaie, cellulite e acne rappresentano solo alcuni degli inestetismi che colpiscono la pelle del viso e del corpo. Del resto, la pelle è considerata l’organo più esteso del corpo umano, corrispondente al 10% del peso corporeo e, essendo facilmente esposta agli attacchi esterni, va protetta e salvaguardata il più possibile dalle aggressioni degli agenti atmosferici e dalle insane abitudini del nostro abituale stile di vita. Pertanto, anche se un giorno dovessimo svegliarci con qualche foruncolo di troppo e con una pelle spenta e poco lucente, non è certo il caso di farne un dramma.

L’importante è mettere in atto strategie e accorgimenti mirati per consentire alla nostra pelle di ritrovare la sua bellezza naturale. Ma come combattere efficacemente gli inestetismi della pelle? Anche se può apparire un consiglio banale, la prima regola da seguire è adottare uno stile di vita sano e salutare, seguendo una dieta bilanciata ricca di frutta, verdure e fibre, evitando alcolici e fumo, praticando un’attività fisica moderata ma costante e, soprattutto, cercare di evitare quanto più possibile lo stress, il principale responsabile del danneggiamento dei tessuti. E se ogni inestetismo ha le proprie problematiche, cerchiamo di analizzarli uno per uno per adottare le misure più giuste per arginarli e risolverli.

Quando la pelle “tira”: come combattere la secchezza cutanea

Quando si alternano le stagioni, quando si passa repentinamente dalle temperature calde a quelle fredde e viceversa, la pelle perde immediatamente la propria elasticità, risultando spenta e priva di vitalità. Lo strato corneo della pelle, quello più superficiale, ha lo scopo di proteggere le cellule vitali dagli attacchi esterni, fungendo da “barriera epidermica”. Scopo principale della barriera epidermica è regolare il passaggio dell’acqua attraverso gli stati del derma. Va da sé, dunque, che qualsiasi alterazione della barriera comporti uno squilibrio cutaneo non indifferente. La pelle inizia a tirare, al tatto appare ruvida e desquamata, portando con sé la comparsa delle rughe e un colorito decisamente spento. In tutti questi casi, oltre a seguire le regole generali indicate per combattere gli inestetismi della pelle, appare opportuno variare la nostra beauty routine, prediligendo prodotti non aggressivi per la detersione quotidiana. Gioca un’importanza fondamentale anche la crema giusta da applicare giorno e notte sul viso. La pelle secca, difatti, richiede un prodotto cremoso, dalla texture fondente, da lasciar penetrare dolcemente, applicando la crema con le mani, massaggiando a lungo le parti più delicate e sensibili. Se, invece, la pelle secca coinvolge gomiti, braccia e gambe, è bene evitare prodotti non schiumogeni, preferendo oli da bagno e da massaggio, più facili da far assorbire e meno aggressivi.

secchezza cutanea

L’eccesso di sebo e la pelle grassa

Un viso lucido e unto non è bello a vedersi figuriamoci a toccarsi! La pelle grassa, infatti, è tra gli inestetismi della pelle più fastidiosi in assoluto, richiedendo anni per esser tenuta sotto controllo e regolarizzata. Accompagnata da punti neri, lesioni acneiche, cicatrici lasciate da acne giovanile e pori dilatati, la pelle grassa può esser dovuta a caratteri ereditari o a disfunzioni ormonali da tenere sotto controllo. Il primo passo da compiere per “curare” la pelle grassa è regolarizzare l’eccessiva produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee. Oltre a seguire un’alimentazione più sana, occorre bere tanto per idratare la pelle ed espellere le tossine che si accumulano anche al livello del derma e, soprattutto, utilizzare i prodotti adatti non solo per detergere il viso ma anche nella scelta del makeup. La pelle grassa non va assolutamente aggredita con saponi, onde evitare di aggravare la situazione, ma va “coccolata” con prodotti dal ph basso, circa 4.5-5.5, evitando i lavaggi troppo frequenti. Via libera a scrub delicati, purché non troppo ravvicinati nel tempo e a una profonda pulizia del viso, con l’ausilio del vapore o di getti d’acqua calda. Al termine della pulizia e come beauty routine quotidiana, scegliere prodotti specifici a base di acido glicolico o acido salicilico, per chiudere i poli dilatati e riequilibrare il sebo.

eccesso di sebo

Contrastare le rughe, non semplici segni d’invecchiamento

Considerate lo spettro d’eccellenza della vecchiaia, le rughe affliggono uomini e donne, anche non in età senile. Queste fastidiose pieghe che si formano sullo strato superficiale della pelle, si generano a causa di un cedimento strutturale della cute, dato dal mancato apporto di elastina e collagene. Contorno occhi e labbra, collo e fronte, sono le parti del viso più colpite dalle rughe. Commetteremmo, però, un errore se considerassimo l’insorgenza delle rughe solo in “età adulta“. Esse, infatti, non appartengono a un’unica specie ma si dividono anche in rughe d’espressione e rughe attiniche, derivanti da una lunga esposizione al sole senza rispettare le dovute cautele. Tra i principali responsabili dell’insorgenza delle rughe troviamo un’alimentazione poco sana, senza il giusto apporto di frutta e verdura, gli eccessi dovuti ad alcol e fumo, l’esposizione al sole nelle ore più calde del giorno senza l’utilizzo di una crema a schermo totale e, ovviamente, smog e inquinamento. Per contrastare le rughe è opportuno idratare a lungo la pelle, per consentirle di trovare lucentezza e vitalità, procedere a peeling e scrub delicati per rimuovere le cellule ormai morte e provare i trattamenti di riempimento e laser terapia, per rigenerare dal profondo lo stato cutaneo. Erroneamente, si è portati a credere che le “rughe di senescenza” compaiano sul viso intorno ai 40 anni. Purtroppo non è così, visto che già intorno ai 25-30 anni è possibile vederle solcare il nostro viso. Utilizzare una crema specifica per ogni fascia d’età, dunque, diventa il primo step per combattere questi antiestetici solchi cutanei.

rughe segni dell'età

Il sogno di tutte le donne? Combattere la cellulite

Alzi la mano, la donna che, nell’arco della propria vita, non abbia mai dovuto fare i conti con l’inestetismo della pelle per eccellenza, la cellulite. La “pannicolopatia edemo-fibro-sclerotica“, comunemente conosciuta come cellulite, consiste in una ipertrofia delle cellule del tessuto adiposo, derivante da uno squilibrio tra la circolazione linfatica e quella venosa, seguito da ritenzione idrica e dalla classica “pelle a buccia d’arancia”. Diverse sono le cause scatenanti, tra cui si annoverano fattori generici e un poco equilibrato stile di vita, accompagnato da sedentarietà. Oltre a tenere sotto controllo la dieta, per non degenerare in una situazione di grave sovrappeso o addirittura obesità, è opportuno evitare d’indossare abiti troppo stretti, bere almeno due litri di acqua al giorno, praticare un po’ d’attività fisica, cercare di non restare per lungo tempo in piedi, accavallare di continuo le gambe e camminare con i tacchi troppo alti. Per combattere la cellulite, l’ausilio di creme e di massaggi, può contribuire a migliorare la situazione. Se i prodotti a base di caffeina e the sono tra i migliori alleati per contrastare la buccia d’arancia, linfodrenaggio, pressoterapia, mesoterapia e ionoforesi, eseguiti da personale altamente specializzato, hanno fatto riscontrare apprezzabili risultati, durevoli nel tempo.

Rimedi per l’acne: tutto quello che c’è da sapere

Benché sia un disturbo legato prevalentemente alla pubertà, l’insorgenza dell’acne può risultare un inestetismo non da poco, ben visibile e difficile da camuffare. Foruncoli di diverse dimensioni, pustole, papule rossastre, cisti e fistole sono solo alcuni dei modi in cui può manifestarsi l’acne. E non tutti hanno la medesima origine, potendo derivare da pubertà, gravidanza, da scompensi ormonali e da stress improvvisi. Per cercare di contrastare il manifestarsi di questo fastidioso inestetismo cutaneo, le regole da seguire sono semplici ma di vitale importanza. Bere almeno due litri d’acqua ogni giorno, riequilibrare la dieta, assumendo cibi a basso contenuto glicemico, utilizzare saponi delicati per la detersione e specifici prodotti per il makeup, è solo il punto di partenza per rimediare ai disturbi dell’acne.

Gli inestetismi della pelle possono creare non pochi problemi alla vita quotidiana. L’importante è saperli riconoscere tempestivamente e mettere in atto le strategie più idonee per combatterli.

la buccia d'arancia come inestetismo della pelle
Sommario
Conoscere gli inestetismi della pelle. Consigli pratici su come prevenirli e contrastarli
Nome Dell'Articolo
Conoscere gli inestetismi della pelle. Consigli pratici su come prevenirli e contrastarli
Descrizione breve
Pelle grassa, secca, desquamata, macchie cutanee, borse, occhiaie, cellulite e acne rappresentano solo alcuni degli inestetismi che colpiscono la pelle del viso e del corpo.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.