Vigilasalute.it

La vitamina K rientra a far parte delle vitamine liposolubili ed è presente in una vasta varietà di alimenti sia di origine animale che vegetale, inoltre, viene sintetizzato dai microrganismi ed è indispensabile per il sangue e le ossa. 

La vitamina K fu scoperta nel 1929 da Henrik Dam e successivamente fu anche isolata da Dam e Doisy, le loro scoperte su questa vitamina non passarono inosservate tanto che vinsero un premio Nobel. In particolar modo lo scienziato Dam fu capace di riuscire a dimostrare cosa comportasse all’organismo la carenza della stessa. 

La funzione principale della vitamina K è legata alla coagulazione del sangue, in seguito, il termine di vitamina K viene utilizzato ufficialmente per abbreviare e rendere più facile il termine anglosassone “vitamina della coagulazione”. 

La vitamina k si divide in tre gruppi fondamentali

  • vitamina k1
  • vitamina k2
  • vitamina k3

L’assorbimento della vitamina K dipende dalla vitamina, per quanto riguarda la vitamina k1 viene assorbita dall’intestino tenue mentre le K2 viene assorbita nel colon con diffusione passiva.Per quanto riguarda la vitamina k2 è prodotta dai batteri ed assorbita nell’intestino, una delle vitamine che viene sintetizzata in maniera del tutto autonoma. 

Non a caso per chi abusa di antibiotici molto probabilmente avrà una carenza di vitamina k.

Per capire se nell’organismo c’è una carenza di vitamina k bisogna misurarla attraverso il tempo che il sangue impiega nel coagularsi.

Anche se questa tipologia di esame non è importante per vedere se nell’organismo esiste questa carenza. Per quanto riguarda le fonti alimentari di questa tipologia di vitamina sono numerose ed esistono sia nel regno animale che vegetale. 

Vitamina K: proprietà e funzioni

Come già citato in precedenza la vitamina K serve per la coagulazione del sangue e per le ossa. 

Per quanto riguarda la vitamina k1 è di origine vegetale mentre la k2 è di origine batterica indispensabile per le ossa. 

  • Metabolismo per le ossa

La vitamina k2 migliora notevolmente le ossa facendo così in modo di ridurre il rischio di osteoporosi e fratture nella vecchiaia. Per quanto riguarda rimane ancora ignoto come la vitamina possa ridurre il rischio di fratture nelle ossa.

  • Coagulazione sanguigna

Come già è stato accennato in precedenza, la vitamina k svolge il ruolo come coagulante del sangue ciò è dovuto grazie all’attivazione di 8 proteine. 

Inoltre la vitamina k svolge anche un ruolo importante per la cura delle malattie del sistema nervoso e possono prevenire le malattie oncologiche. 

  • Carenza di vitamina

Come già è stato accennato in precedenza la mancanza di vitamina k è rara perché è presente in una grossa varietà di alimenti sia di origine animale che vegetale. 

Per quanto riguarda se casomai ci dovesse essere una mancanza di vitamina k potrebbe causare malattie del tratto gastro ed intestinale e di conseguenza con un mancato assorbimento della stessa. La carenza di vitamina k può causare nell’uomo perdita di sangue ed emorragia o anche anemia e difficoltà nella guarigione da ferite. Per quanto riguarda invece il neonato la carenza di vitamina k è frequente dovuta per i suoi giorni di vita. Un altro luogo dove si presenta la mancanza di questa vitamina k è l’ossa che se la mancanza si dovesse trovare in dosi elevate è possibile avere delle possibili fratture o problemi di osteoporosi. 

Inoltre una carenza di questa vitamina non solo potrebbe arrecare i danni precedentemente accennati ma potrebbe anche causare insonnia, nausea e stanchezza. 

Fonti alimentari e dosi consigliate

Se si esegue una dieta equilibrata difficilmente si potrà riscontrare la mancanza di questa vitamina nel corpo. La vitamina k si trova nei seguenti alimenti: broccoli, bieta, verza, carciofi, lattuga, piselli, uova e soia. 

Per quanto riguarda gli esperti non esiste una dosa giornaliera consigliata per l’assunzione di questa vitamina perché ognuno di noi l’assorbe indifferentemente a livello dell’intestino.Gli scienziati hanno invece trovato una dose di vitamina k che va stabilita in base al proprio peso corporeo, ed è di 1 μgxkg di peso corporeo.

Sommario
Vitamina k che cos’è e quali proprietà ha per la nostra salute
Nome Dell'Articolo
Vitamina k che cos’è e quali proprietà ha per la nostra salute
Descrizione breve
L'assorbimento della vitamina K dipende dalla vitamina, per quanto riguarda la vitamina k1 viene assorbita dall'intestino tenue mentre le K2 viene assorbita nel colon con diffusione passiva.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.