L’ulcera gastrica oggi riguarda una buona parte della popolazione italiana.

Si conta che ne siano affetti soprattutto gli uomini tra i 50 e i 60 anni e, inoltre, gli studi epidemiologici hanno rivelato che la patologia affligge maggiormente le classi di reddito medio-basse che presumibilmente hanno uno stile di vita meno sano e sono soggetti a maggiore stress. Molto spesso l’insorgenza dell’ulcera gastrica risulta legata alle abitudini come il fumo o l’eccesso di alcolici. Altre volte, tuttavia, si correla a situazioni patologiche o a problemi alimentari. Ma esattamente che cos’è l’ulcera gastrica? Quali sono i suoi sintomi e i rimedi principali?

Che cos’è l’ulcera gastrica

Si tratta di una lesione o erosione a carico delle pareti dello stomaco o mucosa gastrica. La forma dell’erosione è circolare e viene causata dall’azione dei succhi gastrici acidi prodotti dallo stomaco stesso. La patologia si presenta quando il nostro stomaco perde i fattori protettivi della mucosa e diventa soggetto all’azione negativa dei succhi gastrici. Le dimensioni possono essere variabili e molto spesso l’evoluzione risulta lunga e lenta.

Le cause dell’ulcera gastrica

La patologia allo stomaco ha diverse cause. In particolare quelle maggiormente frequenti sono:

• acidità gastrica lievemente inferiore alla media;

• la gastrite cronica antrale;

• l’abuso di FANS, farmaci antiinfiammatori e l’acido acetilsalicilico;

• Helicobacter Pylori;

• lo stile di vita scorretto (ad esempio fumo, alcolici e dieta squilibrata).

Molti soggetti affetti da ulcera gastrica riscontrano la riduzione della produzione di succhi gastrici acidi. Questo, a lungo andare, rende la mucosa dello stomaco meno resistente e prona a sviluppare ulcere o altre patologie. In questi pazienti è comune la presenza di una gastrite, un’infiammazione della mucosa che precede l’insorgere dell’ulcera. La presenza della gastrite antrale a carico dell’antro pilorico è un’altra causa del problema dell’ulcera visto, che comporta la presenza di un reflusso dal duodeno allo stomaco.

In questo caso, infatti, la bile risale nello stomaco provocando gravi danni alla mucosa dello stomaco. Il 50-60% delle persone affette da ulcera gastrica presenta un batterio che si chiama Helicobacter Pylori. Si trova sotto la mucosa, induce un’infiammazione localmente scatenando una risposta del sistema immunitario che però rende il sistema ancora più vulnerabile. Questo batterio può vivere anche in un ambiente poco ossigenato e molto acido come quello gastrico. Un’altra causa comune dell’ulcera gastrica è l’abuso di antiinfiammatori che, in molti soggetti, creano una lesione della mucosa gastrica. Anche uno scorretto stile di vita in termini di alimentazione o cattive abitudini è spesso la causa principale di questa patologia.

I sintomi dell’ulcera gastrica

I principali sintomi dati dall’ulcera gastrica sono:

• il bruciore allo stomaco;

• il dolore nella fascia alta dell’addome;

nausea e vomito;

• calo di peso corporeo.

Il sintomo più frequente nelle persone che soffrono di ulcera gastrica è il forte bruciore localizzato nella parte alta dello stomaco e correlato all’infiammazione della mucosa dello stomaco. Il dolore avvertito in caso di ulcera gastrica si manifesta come una pressione e un fastidio nella zona addominale alta e spesso è accompagnata da un senso di pesantezza o di vuoto allo stomaco. Nella maggior parte dei casi il dolore insorge dopo i pasti. Gli antiacidi possono aiutare a migliorare il problema ma a volte quando si mangia di nuovo il dolore si riacutizza. Spesso la presenza della gastrite induce anche nausea o vomiti, associati a una rapida perdita di peso. In caso insorgano questi sintomi è consigliabile rivolgersi al medico di famiglia, che si occuperà di prescrivere opportuni accertamenti per un’eventuale ulcera.

Le cure e i consigli in caso di ulcera gastrica

Le principali cure contro l’ulcera gastrica sono:

• i cambiamenti nello stile di vita e nell’alimentazione;

• i farmaci antiacidi;

• i farmaci inibitori della pompa protonica;

• i farmaci antagonisti del recettore H2 dell’istamina;

• i protettori della mucosa gastrica;

• l’intervento chirurgico.

Le persone affette da ulcera gastrica devono migliorare il proprio stile di vita. Si conta, infatti, che la maggior parte dei pazienti affetti dalla patologia tendano a non avere buone abitudini a livello alimentare. A livello di dieta sono sconsigliati gli alcolici, i formaggi troppo grassi, il caffè, il tè, i succhi di frutta, carni e pesci grassi, pomodori, spezie, cibi piccanti o fritti, frutta secca. Sono invece consigliati il riso, la pasta, il pane, le verdure, carni magre, il latte scremato e lo yogurt. Aiuta contro l’ulcera gastrica consumare pasti a orari regolari e mangiare molto spesso. Gli antiacidi come l’idrossido di alluminio o magnesio sono indicati in presenza di pirosi gastrica e cattiva digestione. Le compresse vanno normalmente prese prima dei pasti e prima di andare a dormire. La dose da assumere viene decisa dallo specialista in base alla situazione. Gli inibitori della pompa protonica invece hanno un doppio meccanismo. Da un lato, agiscono sulla pompa protonica bloccando l’azione di una sostanza che si chiama istamina, dall’altro aiutano a estirpare l’Helicobacter Pylori insieme agli antibiotici. Tra i farmaci più diffusi all’interno di questa tipologia ci sono l’omeprazolo, che si consiglia per il trattamento dell’ulcera duodenale, il pantoprazolo per l’ulcera da reflusso gastro-esofageo e il lansoprazolo, sempre l’ulcera duodenale. I farmaci antagonisti del recettore H2 dell’istamina bloccano lo stimolo verso la formazione dell’istamina e impediscono la formazione dell’HCI. Questa terapia aiuta a impedire che l’istamina si leghi ai recettori H2, stimoli la pompa protonica e influisca sull’insorgenza del reflusso. I protettori della mucosa gastrica hanno un’azione protettiva dello stomaco, che si rende necessaria nelle condizioni che precedono l’insorgenza dell’ulcera.

Come prevenire l’ulcera gastrica

Il rischio di sviluppare l’ulcera gastrica risulta molto alto in alcune categorie di persone. Come fare allora? Una serie di accorgimenti potrebbe aiutare sicuramente a ridurre la possibilità di avere questa fastidiosa patologia.

In particolare si consiglia di:

smettere di fumare;

• curare l’alimentazione (evitando in particolare cioccolato, caffè, cibi piccanti, tè e pepe);

fare molta attenzione all’uso di farmaci antiinfiammatori.

Sommario
Ulcera gastrica cos’è e quali sono i sintomi
Nome Dell'Articolo
Ulcera gastrica cos’è e quali sono i sintomi
Descrizione breve
Si tratta di una lesione o erosione a carico delle pareti dello stomaco o mucosa gastrica. La forma dell'erosione è circolare e viene causata dall'azione dei succhi gastrici acidi prodotti dallo stomaco stesso.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.