Vigilasalute.it

Al giorno d’oggi sono sempre di più coloro che si mettono alla ricerca di soluzioni naturali per svariati disturbi: ecco perciò alcune delle migliori erbe officinali che possono avere un’azione molto positiva sull’organismo umano. 

Salvia, un vero e proprio toccasana per la salute

Molti pensano che alcune piante vengano utilizzate prettamente in alcuni ambiti che vanno dalla cosmesi alla cucina. Eppure non è sempre così in quanto ci sono alcuni esemplari che sono efficienti soluzioni terapeutiche per svariati disturbi. Basti pensare, ad esempio, alla salvia che è una pianta che possiede svariati benefici. Si tratta di un tipo molto diffuso in Italia e di facile coltivazione in quanto non richiede particolare cura. La salvia infatti permette di migliorare la condizione di persone che soffrono di asma, oltre a stimolare la produzione di bile e anche la normale funzionalità del sistema nervoso. Senza dimenticare che permette anche di rimediare a quelli che sono i segni evidenti di patologie a carico del sistema nervoso come il Morbo di Alzheimer. Non solo per uso interno, in quanto la salvia è un’ottima soluzione anche per alcuni trattamenti topici. Usata per calmare i dolori legati a reumatismi e problemi muscolari, anche se viene molto sfruttata la sua capacità di migliorare i sintomi delle nevralgie e di altri problemi del sistema nervoso. 

Il biancospino e le sue ottime proprietà terapeutiche

Oggi ci sono in commercio tanti integratori che vengono sfruttati per la loro azione benevola sul sistema cardiocircolatorio. Molti di essi possiedono al loro interno delle buone concentrazioni di biancospino, una pianta che contiene molecole ottime per l’azione sui vasi sanguigni. In caso di malattie cardiache e dei vasi sanguigni viene utilizzata questa pianta, così come per regolare un normale battito del cuore, dolori a livello del petto e anche nell’insufficienza cardiaca congestizia. Senza dimenticare anche che il biancospino è in grado di intervenire efficacemente anche nel caso di problemi metabolici che riguardano soprattutto il colesterolo e, in generale, gli acidi grassi. Da qualche tempo, mediante delle analisi effettuate su estratti di biancospino, è stato possibile appurare che questa pianta riesce ad avere effetti benefici anche nella cura di problemi del sistema digerente o anche nelle indigestioni e nella diarrea. Oltre a considerare che il biancospino mostra una notevole efficacia anche nella riduzione dell’ansia e nell’aumentare la produzione di urina. Si tratta perciò di una sostanza naturale particolarmente vantaggiosa.

Agnocasto, l’erba delle donne

Fin dai tempi antichi sono note le proprietà dell‘agnocasto, una pianta che è stata spesso ribattezzata come l‘erba delle donne. Questo nome non ha certo un motivo casuale in quanto viene molto sfruttata per via della sua azione calmante per i dolori mestruali o anche per regolarizzare le donne che non hanno un ciclo regolare. Non mancano perciò le formulazioni in commercio a base di agnocasto e che sono l’ideale per le donne che vogliono evitare il ricorso a farmaci dotati di effetti collaterali. Inoltre, anche stando ad alcune testimonianza storiche, sembra che l’agnocasto sia una pianta efficace anche nella riduzione del desiderio sessuale. Alcune fonti parlano che le foglie di questa pianta venivano masticate dai monaci per resistere alle tentazioni e fare in modo che il voto di castità restasse intatto. Ma l’agnocasto, come molte altre piante officinali, ha un utilizzo anche esterno che permette di rimediare ad alcune condizioni problematiche. Basti ricordare che applicazioni regolari a base di estratti di questa pianta possono eliminare parassiti dalla pelle e soprattutto prevenire quelli che sono i rischi ad essi associati. Bisogna anche considerare che ci sono prodotti per uso esterno a base di agnocasto che sono utili per coloro che vogliono eliminare i disturbi delle punture di insetto. 

Liquirizia

Liquirizia, una sostanza di ampio uso 

La liquirizia rientra sicuramente tra gli ingredienti migliori per alcune preparazioni dolci. Ma non viene utilizzata solamente per scopi culinari in quanto ci sono alcune formulazioni a base di liquirizia che sono ottime, ad esempio, per innalzare la pressione. Infatti è alquanto noto che gli estratti di liquirizia contengono al loro interno delle elevate concentrazioni di alcune componenti che hanno un’azione positiva a livello vascolare. Ma la liquirizia è efficace anche per migliorare lo stato di persone che soffrono di problemi digestivi o anche di ulcere gastriche. Ci sono molecole al suo interno che sono ottime proprio per fare in modo da ridurre i dolori gastrici seri. Impiegata anche per il mal di gola, tosse, bronchite e per alcune infezioni sistemiche a base di virus o batteri. Sembra che all’interno della liquirizia ci siano anche delle molecole che possono esplicare un’azione antinfiammatoria. Motivo per cui si possono sfruttare questi effetti per rimediare a osteoartrite o anche al lupus eritematoso e altre patologie infiammatorie acute e croniche.

Sommario
Quali sono le erbe officinali che fanno bene alla salute
Nome Dell'Articolo
Quali sono le erbe officinali che fanno bene alla salute
Descrizione breve
Alcune delle migliori erbe officinali che possono avere un'azione molto positiva sull'organismo umano. 
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.