Vigilasalute.it

Molto spesso ci accorgiamo che le unghie dei nostri piedi sono affette da dolori o infezioni che possono essere dovute a diversi fattori come l’uso di scarpe con tacchi alti o particolarmente strette o eventualmente la formazione di funghi quali la onicomicosi. I segnali che ci possono mettere in allarme sono un ispessimento della pelle intorno alle unghie, una colorazione che può apparire diversa o semplicemente il fatto di avvertire dolore in prossimità delle unghie. In tutti questi casi può essere utile rivolgersi alle cure e ai consigli di uno specialista: il podologo.

Problemi alle unghie in tutte le stagioni

Non bisogna credere che infezioni, ematomi o dolori alle unghie siano un problema ricorrente in un particolare periodo dell’anno, in quanto è possibile riscontrarli praticamente per tutto i dodici mesi.

Durante il periodo invernale, infatti, l’uso di scarpe chiuse e tenute allacciate per più di 8 ore al giorno può provocare delle condizioni favorevoli allo sviluppo di batteri e infezioni: l’umidità e il particolare ambiente che si crea nella scarpa chiusa può infatti indebolire notevolmente la struttura dell’unghia.

Allo stesso modo, in estate, l’uso di sandali e in linea generale di scarpe aperte può comportare che il piede sia esposto maggiormente a traumi e contusioni, che nei casi più gravi possono comportare anche il distacco dell’unghia. Inoltre, il fatto di frequentare le piscine e di camminare con maggiore probabilità scalzi, può comportare la formazione delle verruche plantari. 

Come prevenire questi problemi

Per prevenire la formazione di infiammazioni ad unghie e piedi e le correlate manifestazioni di dolore, è opportuno scegliere con particolare attenzione le calzature. La scelta ottimale, indipendentemente da fattori di carattere estetico, dovrebbe cadere su scarpe caratterizzate da una calzata comoda e da un ventaglio del metatarso che assicuri un corretto movimento delle dita all’interno della scarpa. Calzatature che non rispecchiano questi requisiti potrebbero favorire la formazione di calli e infiammazioni con conseguente dolore. La scelta corretta delle scarpe è ancora più importante in soggetti anziani in virtù della manifestazioni di artrosi e patologie di natura vascolare.

La necessità di ricorrere ad un consulto medico specialistico, ossia quello del podologo, si viene a creare nel momento in cui si presenta un’unghia incarnita oppure sono presenti delle callosità plantari o sulle dita dei piedi che comportano dolore. Oltre a ciò, il podologo specie nelle persone anziane si occupa dell’accorciamento delle unghie per prevenire delle deformità ungueali che magari derivano da precedenti patologie o manifestazioni. 

Da questa breve esposizione, ne deriva che il podologo non esegue alcun intervento di natura estetica ma si occupa delle condizioni dolorose o infiammatorie che riguardano uno o entrambi i piedi, eseguendo una valutazione della situazione e un trattamento specifico a livello locale. Nel momento in cui effettua la visita, il podologo deve anche segnalare al medico di base eventuali condizioni patologiche che richiedono un intervento terapeutico specifico.

Allo stesso modo di qualsiasi altra visita specialistica, anche il podologo in fase di primo consulto effettua un’anamnesi del paziente, raccogliendo una serie di informazioni sullo stesso e la presenza di altre patologie. Al termine di questa prima fase, la persona viene fatta stendere sul lettino ed effettua un’attenta analisi del piede soffermandosi anche sulla forma dello stesso.

Dopo questa prima valutazione, il podologo invita il paziente a camminare dopodiché esegue un ulteriore test sulla pedana baropodometrica per valutare i carichi con forza di gravità. 

Nel caso sia necessario, effettua una prima seduta terapeutica sulle unghie utilizzando attrezzi specifici come lime e tronchesini che permettono di fresare nel migliore dei modi le unghie, prevenendo le menzionate patologie. 

Sommario
Podologo, chi è e quando è necessario consultarlo per un problema ai piedi
Nome Dell'Articolo
Podologo, chi è e quando è necessario consultarlo per un problema ai piedi
Descrizione breve
La necessità di ricorrere ad un consulto medico specialistico, ossia quello del podologo, si viene a creare nel momento in cui si presenta un'unghia incarnita oppure sono presenti delle callosità plantari o sulle dita dei piedi che comportano dolore.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.