Vigilasalute.it

Esistono tantissimi prodotti in commercio in grado di bruciare i grassi in eccesso e favorire la perdita di peso nel corso del tempo. Questi prodotti si posso reperire sotto forma di integratori, compresse o creme che vengono scelti ed utilizzati in base alle esigenze del proprio organismo e alla condizione fisica o/e salutare del corpo. Per chi pratica sport la soluzione ideale è la carnitina, un acido carbossilico in grado di bruciare la massa grassa e velocizzare il metabolismo. Per chi si allena più volte alla settimana e segue una dieta ipocalorica dovrebbe mangiare carnitina ogni giorno, di mattina e a stomaco vuoto.

In che alimenti si trova la L-carnitina ?

Questo acido è presente in ogni dieta mediterranea e le principali fonti di carnitina sono la carne rossa, la carne di pecora, agnello, manzo, suino, coniglio, latticini, semi di soia e avocado. La verdura ne possiede in minore quantità, anche se l’organismo riesce a riprodurla grazie alla presenza dell’amminoacido lisina presente nei legumi. Per i vegetariani è consigliabile mangiare alimenti che ne sono ricchi come gli asparagi, albicocche, banane, broccoli, noci, carciofi ed altro.

Gli effetti positivi della carnitina

Oltre a bruciare i grassi del corpo e accelerare il metabolismo, la carnitina riserva molti benefici a chi ne fa uso. Questo acido è indispensabile per chi soffre di colesterolo e trigliceridi nel sangue poiché riesce ad abbassarne i livelli, riduce il rischio di depositi nei vasi sanguini e previene malattie cardiache o favorisce il recupero di quest’ultime. La carnitina protegge anche il sistema nervoso da patologie come l’Alzheimer e facilita il recupero da sintomi depressivi, stimola la produzione di testosterone e riduce la formazione di acido lattico nei muscoli. 

Gli svantaggi della carnitina

Non è tutto oro ciò che luccica. La carnitina oltre a portare benefici al nostro organismo può provocare spiacevoli effetti collaterali e, per i pazienti che soffrono di tiroide e epilessia, è sconsigliata la sua assunzione. Per questo motivo sarebbe giusto confrontarsi con il proprio medico per valutare il rischio delle conseguenze e decidere la quantità di carnitina da assumere. Chi fa un uso sbagliato di questo acido, o ne somministra più del dovuto, rischia di andare incontro a problemi come la gastrite, crampi, nausea, vomito e diarrea, convulsioni e aumento delle piastrine nel sangue.

Dove si acquista la carnitina?

La carnitina non è presente solo in alcuni alimenti, ma viene venduta anche sotto forma di integratori. Quest’ultimi possono essere consigliati anche in casi di malnutrizione, terapie cortisoniche e convalescenza grazie alla presenza della Vitamina B12 che aiuta a ristabilizzare i valori normali nel sangue e a ricoprire il fabbisogno giornaliero di ogni essere umano.

La carnitina nei prodotti di bellezza

Esistono numerose soluzioni cosmetiche per bruciare gli accumili di grasso nel nostro corpo, come la somministrazione di farmaci durante la mesoterapia lipolitica che vanno ad agire direttamente sulla zona interessata. Anche le creme anticellulite contengono dosi di carnitina, caffeina e altre sostanze in grado di ridurre la cellulite e bruciare i grassi della pelle donandole tonicità ed elasticità.

Le esperienze dei consumatori

Maria, 28 anni, soffriva di obesità e aveva deciso di iniziare un percorso dimagrante seguendo alla lettera la dieta della sua nutrizionista associata all’attività fisica in palestra. Grazie ad alcuni trattamenti estetici mirati a base di creme e all’assunzione di alcuni alimenti a base di carnitina, la donna ha perso 20 kili e il suo corpo sta cambiando gradualmente. La sua pelle risulta tonica ed elastica, i muscoli non producono acido lattico ed il suo livello di colesterolo è tornato ad essere nella norma.

Sommario
L-carnitina cos'è e a cosa serve pernostro organismo
Nome Dell'Articolo
L-carnitina cos'è e a cosa serve pernostro organismo
Descrizione breve
Per chi pratica sport la soluzione ideale è la carnitina, un acido carbossilico in grado di bruciare la massa grassa e velocizzare il metabolismo.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.