Vigilasalute.it

Fatica ad addormentarsi? Che iattura, vero?

Al giorno d’oggi le persone che faticano ad addormentarsi sono molto numerose. Del resto come potrebbe essere altrimenti, vista la vita che conduciamo? Passiamo da un impegno all’altro, ci dividiamo tra lavori spesso stressanti e famiglia, tra serate con nei locali e “faccende” di ogni tipo da sbrigare… In sostanza non ci fermiamo mai e lo stress, spesso, è una della cause principali per le quali dormire diventa difficile.

La sera vai a letto e, invece di addormentarti sereno come un bambino, o sei cosìstanco da non riuscire a rilassarti o ti fai prendere da mille pensieri e la mente non vuole saperne di “spegnersi” e lasciarti in pace.

Non dimentichiamoci che, oltre agli esempi citati, altri fattori che ci impediscono di addormentarci con facilià sono l’alcool o i cibi pesanti. La sera, infatti, dovremmo mantenerci leggeri e dovremmo limitare l’acool al massimo ad un sano e piacevole bicchiere di vino rosso. Se ci tracanniamo una o più birre o, peggio ancora, un bel superaclolico, di che ci lamentiamo dopo? Stessa cosa vale per il cibo, non credete? Una cosa è cenare con una fettina di petto di pollo ed un’insalata, altra cosa è farsi una carbonara e riempirsi il piatto. Quest’ultima, magari, potremmo riservarla per il pranzo o per le uscite del fine settimana.

Cosa fai in questi casi?

Quando non riesci ad addormentarti cosa fai? Naturalmente la prima cosa che ti viene in mente è contare le pecore perché, come sai bene, i rimedi della nonna hanno sempre un loro perché!

Scherzi a parte, quando si fatica ad addormentarsi si cerca di pensare a qualcosa di piacevole, lasciando da parte i pensieri stressanti. Si cerca di chiudere gli occhi e di visualizzare persone o cose che apprezziamo particolarmente. Beh, si fanno queste e tante altre cose, però il problema non si risolve. Vero?

Beh, diciamoci la verità: nella maggior parte dei casi è difficile trovare una soluzione per riuscire ad addormentarsi, perché le cause possono essere diverse.

Quali sono i metodi più gettonati e quelli più efficaci?

Adesso vediamo di seguito quali sono alcuni medoti per riuscire a prendere sonno e addormentarsi riuscendo, di conseguenza, a potersi godere una qualità del sonno maggiore.

C’è un medico che promette di farci addormentare grazie al metodo 4-7-8. Di che si tratta? Di una tecnica per addormentarsi addirittura in meno di un minuto. Sembra che si stia parlando di una trovata fantasiosa o magica, in realtà si sta facendo riferimento ad un eserizio di respirazione controllata.

La tecnica è stata messa a punto dal medico americano Andrew Weill ed è basata su alcuni secondi di respirazione controllata.

Ecco in cosa consiste:

  • Prendere un gran respiro espirando a lungo
  • Inspirare con la bocca chiusa contando mentalmente fino a 4
  • Trattenere il respiro fino a 7 secondi
  • Esprirare contando mentalmente fino a 8
  • Infine ripetere per 3 volte quanto descritto sopra

Questo metodo è basato sul controllo ritmico del respiro. In sostanza, grazie al conteggio dei secondi e al modo in cui si respira, ci si può rilassare mettendo da parte i pensieri stressanti e riuscendo a prendere sonno.

Un altro metodo efficace e, per certi aspetti, un po’ strano poiché a conoscerlo sono in pochi è il seguente: quando vai a letto tappati letteralmente la bocca con un cerotto. Questo porterà vari vantaggi in quanto da un lato ti eviterà di repsirare con la bocca aperta, evitando che i batteri entrino nella gola e creino delle infezioni, dall’altro regolerà la respirazione e ti consentirà – come nel metodo precedentemente descritto – di rilassarti e quindi addormentarti prima. Con questa tecnica noterai che, la mattina seguente, ti sveglierai anche più in forma.

Altra soluzione per prendere sonno? Abbandona il letto, anziché continuare a girarti e rigirarti nervoso, e vai a fare qualcosa di diverso: puoi andare in salotto a leggere un libro, in cucina a bere una camomilla, in balcone a guardare le stelle. Aspetta che passino almeno 10-15 minuti, cerca di sgombare la mente e alla fine quando ti senti più rilassato torna a letto. Non farlo prima, altrimenti vanificheresti il risultato finale.

Altra dritta importante per riuscire a prendere sonno, è di dedicarti ad attività poco impegnative nelle ore che precedono il coricarti. Ti è mai capitato di stare sveglio fino a tardi per finire un, ad esempio, un lavoro al pc? Oppure per guardare un film particolarmente cruento? Sappi che attività di questo tipo allontano il sonno. Dunque fai qualcosa di meno impegnativo o guarda un film romantico.

Al di là dei metodi di cui ti ho parlato puoi anche cercare di aiutarti con dei prodotti naturali. La solita camomilla su alcuni di noi funziona, ma non su tutti. Un prodotto naturale (che tra l’altro è già presente nel nostro organismo) è la melatonina. La trovi in farmacia, in parafarmacia ma anche in molti siti on-line. Una o due compresse un paio di ore prima di andare a letto fanno davvero dei miracoli, provare per credere. Ed il bello è che, essendo un rimedio naturale, non ha alcuna controindicazione. Spesso viene consigliata anche nei casi di jetlag, ovvero quando fai dei voli intercontinentali e quindi sballi il ciclo del sonno.

Infine, un buon suggerimento può essere quello di adoperare un po’ tutti questi metodi.

Sommario
Fatica ad addormentarsi ? Alcuni metodi per dormire
Nome Dell'Articolo
Fatica ad addormentarsi ? Alcuni metodi per dormire
Descrizione breve
C'è un medico che promette di farci addormentare grazie al metodo 4-7-8. Di che si tratta? Di una tecnica per addormentarsi addirittura in meno di un minuto. Sembra che si stia parlando di una trovata fantasiosa o magica, in realtà si sta facendo riferimento ad un eserizio di respirazione controllata. La tecnica è stata messa a punto dal medico americano Andrew Weill ed è basata su alcuni secondi di respirazione controllata.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.