Vigilasalute.it

L’arginina, conosciuta col nome scientifico di L-Arginina è un amminoacido essenziale, cioè una parte di proteina che il corpo non riesce a produrre da sé in quantità sufficiente per il proprio sostentamento. L’arginina tuttavia non è essenziale in tute le fasi di età, ma perlopiù per i bambini in fase di crescita, in alcuni casi adolescenza e pubertà, mentre non è essenziale per gli adulti, visto che andando avanti può essere sintetizzata con più facilità dall’organismo.

L’arginina si può trovare perlopiù in alimenti ad alto contenuto proteico, i legumi in particolar modo. Tuttavia non mancano fonti abbondanti di Arginina nella carne oppure nella frutta secca.

L’arginina non è presente in grandi quantità negli alimenti, normalmente il consumo consigliato è intorno ai tre grammi al giorno, specialmente in ambito sportivo. Casi particolari che richiedono persino il rinforzo con degli integratori di arginina possono passare anche fino ai 20 grammi al giorno.

Che funzioni svolge l’Arginina

L’arginina è considerato un amminoacido essenziale perché in alcuni periodi fisiologici del corpo assume un ruolo fondamentale in certi ruoli. L’arginina ha infatti un ruolo attivo nella sintesi del glucosio nei casi di gluconeogenesi, cioè il processo che fornisce glucosio a certi tessuti del corpo.

L’Arginina partecipa a molti altri processi di sintesi costantemente in atto nel nostro corpo tra cui di proteine di Creatina, oltre che di altre sostanze fondamentali per la crescita cellulare; partecipa inoltre al processo di sintesi di ossido nitrico, un elemento con un particolare potere vasodilatatore. Inoltre, questo amminoacido essenziale serve anche a svolgere azioni stimolanti del sistema immunitario e antiossidante.

Per tutta questa serie di funzioni diventa subito chiaro quanto sia importante l’assunzione di Arginina, specialmente nel corso di alcune patologie riguardanti il cuore o il metabolismo, per situazioni che richiedano una cicatrizzazione oppure per disturbi della fertilità del maschio. In certi casi, l’Arginina viene utilizzata anche in ambito sportivo.

Le proprietà benefiche dell’arginina

Viste le sue proprietà molto interessanti, l’arginina è oggetto di molte ricerche da parte di laboratori di biologia e nutrizione e nel corso degli studi sono state scoperte molte proprietà benefiche di questo amminoacido.

A partire dalle proprietà dell’arginina legate alla corretta funzione cardiovascolare. L’arginina infatti avrebbe un effetto diretto sulle pareti del cuore. L’arginina viene utilizzata come supplemento nell’alimentazione, ed è utile nei pazienti affetti da patologie come ipercolesterolemia ed ipertensione.

L’arginina ha effetti benefichi anche in situazione di difficile fertilità maschile. Come detto, l’arginina supporta sia la funzione vasodilatatore ed antiossidante, cosa che porterebbe a migliorare sia la mobilità degli spermatozoi (nei casi di oligospermia).

In alcuni casi particolari vi di post-intervento operatorio oppure di gravi ustioni viene consigliato il consumo di alimenti che contengano una buona dose di arginina. L’amminoacido infatti ha una buona capacità di sintetizzare la Prolina, un altro amminoacido presente nel collagene. Il corpo quindi, riuscendo ad assorbire meglio la prolina, spiega il ruolo dell’arginina nella ripresa strutturale dei tessuti lesi durante un intervento o simili. Infatti è utilizzato in prodotti come Foltina Plus per l’effetto stimolante della ricrescita

Come già detto, l’arginina ha delle buone proprietà di tipo antiossidante e favorisce i processi di assorbimento e sintesi del glucosio, motivo per cui l’arginina è molto consigliata anche in ambito sportivo. Tuttavia è più utilizzata per gli sport che richiedano sessioni di allenamento molto intense (come attività di pesistica) piuttosto che attività durature e di resistenza (come la corsa o gli sport aerobici in generale).

Modalità d’uso ed effetti collaterali

In alcuni casi, prima di assumere integratori di arginina, c’è bisogno di consiglio del proprio medico, specialmente nei pazienti affetti da patologie renali o epatiche.

Normalmente non c’è bisogno di assumere quantità extra di arginina oltre a quella che si immette normalmente nel corpo tramite l’alimentazione giornaliera. Tuttavia, bisogna tenere conto degli effetti collaterali che può causare un eccessivo consumo di arginina, specialmente quando questa supera i 15g grammi giornaliere. Infatti, una quantità così elevata di questo amminoacido potrebbe causare problemi a livello gastro-intestinale come per esempio crampi all’addome, nausea, diarrea o vomito. Nei casi peggiori possono sopraggiungere anche cefalea oppure ipotensione.

Integratori o comunque supplementi di arginina vanno assunti con cautela nel momento in cui sono in corso cure farmacologiche. L’amminoacido essenziale infatti può alterare la normale funzione farmacologica di principi attivi come la ciclosporina oppure ibruprofene. Per questo quindi è necessario consultare il proprio medico prima di fare uso di arginina.

Sommario
Arginina cos’è e quali proprietà possiede ?
Nome Dell'Articolo
Arginina cos’è e quali proprietà possiede ?
Descrizione breve
L'arginina è considerato un amminoacido essenziale perché in alcuni periodi fisiologici del corpo assume un ruolo fondamentale in certi ruoli. L'arginina ha infatti un ruolo attivo nella sintesi del glucosio nei casi di gluconeogenesi, cioè il processo che fornisce glucosio a certi tessuti del corpo.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.