Vigilasalute.it

La natura ci offre tantissimi prodotti dalle proprietà incredibili che possono risolvere tantissimi problemi di salute e migliorare le funzioni dell’organismo. Uno di questi elementi è l’anice, vediamo quali sono le sue proprietà e come può essere usato in cucina come rimedio naturale.

Cos’è l’Anice?

L’Anice una antica pianta Orientale antichissima le cui origini sono piuttosto remote. Quando si parla di anice viene in mente l’Anice stellato, in effetti la pianta prende il nome dal fiore con la caratteristica forma a stella ad otto punte.

Ha un sapore forte e caratteristico, simile a quello del finocchio con cui condivide l‘anetolo un composto aromatico primario e un vago sapore di menta. 

Proprietà e benefici dell’anice

L’anice è una di quelle piante che dispone di tantissime proprietà, tra queste possiamo dire che è un potente ed efficace digestivo consigliato per lo più dopo i pasti.

Un disinfettante naturale in grado di combattere anche problemi di alitosi, causati in qualche caso da una presenza di batteri all’interno del cavo orale.

Può essere utilizzato anche per la pulizia della pelle perché oltre ad essere un disinfettante ha un effetto detergente e antisebo, indicato per le pelli che necessitano di essere pulite più in profondità e che hanno una sovrapproduzione di sebo che tende ad ingrassare la pelle, causa di molte imperfezioni come punti neri o brufoli.

Un grande alleato per la pelle ma anche dell’organismo grazie alle sue proprietà antiossidanti che aiutano tutto il corpo a contrastare l’invecchiamento.

In molti siti è noto trovare la dicitura “antitumorale“, ci teniamo a precisare che non è stato dimostrato che in qualche modo alcuni alimenti possano evitare o combattere tumori. L’assunzione dell’Anice è consigliato per tutta un’altra serie di benefici.

L’Anice in cucina

Come abbiamo visto sono davvero tantissime le proprietà dell’Anice può essere assunto in svariati modi.

Uno tra tutti è il suo utilizzo come spezia per insaporire le pietanze dandogli un tocco più ricercato. Non a caso esistono liquori proprio aromatizzati all’Anice che possono anche essere realizzati in casa.

Inoltre, utilizzare l’Anice nelle ricette è un modo più piacevole per assumere una sostanza così piena di benefici. Ad esempio si può aggiungere l’anice nell’impasto di torte e biscotti oltre ad insaporire i dolci.

ma ora veniamo all’uso dell’anice nel modo più puro e sicuramente più efficace: tisane, infusi.

Per una tisana basta mettere i semi di Anice in infusione per qualche minuto in acqua bollente, magari assieme ad una infuso di camomilla o qualche altra erba officinale come malva, salvia o rosmarino per aumentare l’effetto lenitivo e disinfettante. Bastano da 2 a 5 grammi di semi in base ai propri gusti. 

Inoltre berlo sotto forma di tisana allevia i sintomi del raffreddore e del mal di gola con una reale azione antisettica. 

Tra l’altro le tisane all’Anice sono utili e consigliare anche per alleviare l’asma, la pianta infatti sembra avere anche un potere calmante anche per alcune forme d’asma.

Insomma, l’Anice stellato sembra avere mille risorse e a differenza di molte altre piante di questo genere sembra non avere particolari controindicazioni ed effetti collaterali, occorre però ricordare di non eccedere nell’uso e nel caso in cui dovessero verificarsi nausee e dolori intestinali o qualunque altro sintomo è bene sospenderne l’uso.

Sommario
Anice cos'è e come può essere usato in cucina come rimedio naturale
Nome Dell'Articolo
Anice cos'è e come può essere usato in cucina come rimedio naturale
Descrizione breve
Cos'è l'anice e quali utilizzi in cucina si possono fare per usufruire al massimo delle sue proprietà.
Autore
Nome del divulgatore
Vigilasalute.it
Logo del sito.